Una scrittrice a Ciao Darwin

Una scrittrice a Ciao Darwin: intervista a Diandra Elettra Moscogiuri

Nel corso degli anni abbiamo costruito l’idea dello scrittore quasi sul modello di Stephen King. Immaginiamo gli scrittori con un caffè nero e bollente in mano, in una perfetta solitudine con la loro macchina da scrivere, come Jack Torrence (protagonista di Shining) o Mike Noonan (protagonista di Mucchio d’Ossa); in cerca di pace e di quiete nel tentativo di trovare la loro ispirazione (vabbè, poi i protagonisti di Stephen King finiscono sempre da essere distratti da cause di forze maggiori davvero macabre).

Li immaginiamo vecchi e barbosi, con la schiena incurvata sulla scrivania, una vita sociale paro a zero e pronti a sfornare un libro dopo l’altro. Come se questo fosse il loro unico obiettivo o mestiere. E mentre nel caso di Stephen King può essere vero (che sia il loro unico mestiere, non che sia asociale), in altri casi no. Per altri, la carriera da scrittore è una sorta di “secondo lavoro”, come nel caso di Silvana De Mari (medico e scrittrice), Isaac Asimov (biochimico e scrittore) e Gianrico Carofiglio (magistrato e scrittore).

La scrittura è una passione e, come tale, non per forza deve essere accompagnata da sola. Può nascere in contemporanea con la passione per la danza o per il mondo della recitazione. Ed ecco qui che la figura dello scrittore cambia e ci ritroviamo Diandra Elettra Moscogiuri, l’autrice di Tequila Suicide, che nella vita è ballerina, modella, attrice, studentessa universitaria e che di recente ha partecipato a Ciao Darwin, nella sfida “Carne Contro Spirito”.

diandra

Cosa ti ha spinto a partecipare al Programma di Ciao Darwin?



A propormi di partecipare al Casting è stata Lucia Magnolio, l’organizzatrice di sfilate di moda con cui collaboro come miss. Non sapevo che il programma sarebbe tornato in onda, per me è stata una vera sorpresa! Ho sempre amato questo programma per la sua impronta molto anni ’90 e la sua ironia, per non parlare delle sfide! L’idea di partecipare mi emozionava molto. In più sono legata al programma anche per un fatto di ricordi: quando ero piccola mio padre non stava molto bene, allora una delle poche cose che potevamo fare insieme era guardare la tv. Ciao Darwin è uno dei programmi che più ci divertiva, poi amavamo anche gli anime giapponesi come Mila e Shiro. Rivedere oggi queste cose mi provoca una grande gioia, e addirittura aver avuto la possibilità di viverne una mi ha reso davvero orgogliosa di me stessa.
Raccontaci la tua esperienza. 

Siamo stati trattati come dei principi, ci hanno fatto dormire in un albergo stupendo e abbiamo mangiato davvero bene. Devo ammettere che non ero molto a mio agio perché nella categoria “Carne” c’erano persone con cui non sono abituata a stare, ma devo confessare che questa esperienza mi ha fatto crescere molto. E’ interessante stare a contatto con persone che fanno una vita completamente diversa dalla tua, mi è piaciuto molto parlare con loro e scoprire dei punti di vista nuovi. Ho legato molto con le ragazze, alcune sono state davvero gentili perché capivano che non venendo dal mondo del porno come loro ero a disagio per i comportamenti di alcuni ragazzi, eccessivamente espansivi, e mi hanno in un certo senso difeso da certe mani morte.

L’episodio più divertente in Ciao Darwin.



Anche se dovrei dire che il più divertente è assolutamente il mio, non posso negare che Integratori contro Bucatini mi ha fatta letteralmente piegare in due dal ridere. La star della puntata, il concorrente dei Bucatini, era talmente simpatico e dolce che mi ci sono affezionata tantissimo! Mi sarebbe piaciuto molto conoscerlo, e ancora oggi rivedo i video con le sue gag divertenti. Si può coniare l’aggettivo “abbraccioso” solo per lui?

Hanno menzionato la tua carriera da scrittrice?!



Purtroppo la registrazione dura cinque ore e di tutto questo vanno in onda solo due ore e mezzo, così tra le tante cose che sono state tagliate, hanno eliminato anche la piccola parte in cui parlavo al dibattito. Mi sono presentata come artista del burlesque e autrice di romanzi erotici omosessuali, e Bonolis è stato molto simpatico con le sue solite battutine. Sono rimasta un po’ male perché sarebbe stato bello vedermi anche parlare, ma alla fine hanno mandato in onda un mio bel primo piano e una cosa del genere in prima serata a Canale 5 non mi sembra affatto poco. In più questo piccolo momento di gloria mi ha portato un sacco di nuovi follower su Instagram e like sulla mia pagina Facebook, quindi ho avuto un’ottima pubblicità. E’ stato un peccato perché hanno tagliato anche il cuoco afrodisiaco, lo spogliarellista, i nudisti, Biancaneve sotto i nani… Molte cose erano divertenti, però capisco che ci sono i tempi televisivi. Alla fine è stata la mia primissima partecipazione a un Game Show, col tempo e l’esperienza arriveranno nuove occasioni.

Il tuo lavoro da attrice come si concilia con quello di scrittrice?

Sono due cose molte diverse, ormai mi presento principalmente come un’attrice perché ho fatto più film che libri, penso che presto il cinema prenderà il sopravvento e mi dedicherò a quello, sforzandomi però di non abbandonare del tutto i miei altri interessi. La scrittura è stata la prima cosa a rendermi leggermente più conosciuta, è una grande passione ma quando ho scoperto di avere una possibilità come attrice mi sono sentita come se fossi arrivata a casa. Sia quando presento un libro che quando recito in un film mi sento me stessa, ma la mia nuova vita nel cinema mi ha portata a una vera e propria folgorazione. Continuerò a scrivere quando ne avrò bisogno, in quei momenti di ricerca di una riflessione interiore, ma penso che la mia bibliografia non sarà mai più lunga della filmografia.
Come sono nate le tue passioni (danza, scrittura e teatro)?!

Sono nate da una necessità di evasione. Sono la classica ragazza cresciuta in un paese piccolo, che non vedeva l’ora di diplomarsi per spiccare il volo. Incompresa e chiamata “strana”, penalizzata con voti bassi anche in condotta, soffrivo molto. Mi trattavano come una diversa e pazza perché amavo il teatro e la danza. Così quando arrivava il pomeriggio mi tuffavo in un mondo nuovo, nella mia scuola di arti dello spettacolo, e lì sfogavo tutta la mia frustrazione e insoddisfazione. La notte scrivevo tanto, esprimevo tutte le mie emozioni sulla carta e sul palco. Ora tutte quelle persone che mi prendevano in giro mi chiedono di uscire insieme, farci delle foto, chattare. Ho aspettato questo momento tutta la vita.

Nell’immaginario collettivo, gli scrittori scrivono per ore la notte con un caffè nero poggiato sulla scrivania. Quanto ti rispecchi in questa immagine?!



Quando ho scritto Tequila Suicide era proprio così, o meglio, ancora più folle. L’idea mi è venuta quando ho finito le superiori, e ho passato l’intera estate a scrivere. Era molto strano perché avevo tutte queste scene che si susseguivano nella mia testa e le ho trasformate in parole con molta frenesia. Andavo a dormire, mi svegliavo, mangiavo qualcosa e mi rimettevo subito a scrivere. Non facevo altro, ho passato tre mesi così. Solo dopo ho cercato di estrapolare i temi, quei lati di me che avevo espresso senza quasi accorgermene, è stato quasi come leggere un libro scritto da qualcun altro. Alcune volte penso di essere stata posseduta dal fantasma di qualcuno che ha sempre voluto scrivere un libro ma non ha fatto in tempo. 
La notte poi è il momento migliore per scrivere, tutto il tuo mondo interiore si libera delle costrizioni sociali imposte durante il giorno, e poi esprimere davvero te stesso. L’unica differenza con lo scrittore tradizione è che io odio il caffé!

Progetti per il futuro?!



Devo ammettere che è un periodo molto positivo per la mia carriera. Il 15 aprile sfilerò a Como per un evento importante, il 7 maggio sono al Teatro Pime di Milano per la commedia musicale “Musicario”, come attrice e ballerina. Il 19 giugno c’è il mio debutto ufficiale come Burlesquer e verrò coinvolta nei prossimi progetti dei fratelli D’Antona, ma non posso ancora anticipare nulla a riguardo. Mi aspettano dei ruoli nuovi e particolari, si sarà una vera sfida. 



diandra2

10365940_709099162465109_4975094628211889418_n

Condividilo!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+